Prodotti da forno/ Senza categoria

Pagnotta di semola di grano duro con lievito madre

10978639_10205090615538615_452695419487507905_n

Oggi vi presento un altro esperimento, la pagnotta di semola di grano duro!
Somiglia molto al pane pugliese, ma non conosco la ricetta originale quindi non azzardo a chiamarlo così! 🙂
Ho utilizzato due tecniche nuove per me, le pieghe “slap and fold” e la lievitazione nel cestino.
Non spaventatevi è più difficile a dirsi che a farsi! Se avete il lievito madre a casa provatelo, è ottimo!

INGREDIENTI:
– 450 gr di semola di grano duro
– 100 gr di farina 0
– 150 gr di lievito madre rinfrescato
– 340 gr di acqua
– 1 cucchiaino di miele
– 1 cucchiaino di sale

PROCEDIMENTO:

Nella ciotola dell’impastatrice metto il lievito madre a piccoli pezzi, le farine, il miele e 3/4 di acqua ed inizio ad impastare, quando avrò ottenuto un composto omogeneo aggiungo il sale e la restante acqua.
Impasto ancora fina a perfetta incordatura.

10993465_10205090608938450_1088598612440640171_n

Adesso arriva la parte divertente 🙂
metto l’impasto sul piano di lavoro e inizio a fare delle pieghe con la tecnica “slap and fold” che tradotto significa sbatto e piego. Ho visto utilizzare questa tecnica da alcuni esperti di lievito madre e ho voluto provare anche io 🙂 per farvi capire come funziona guardatevi questo video che ho trovato su you tube:

ho sbattuto l’impasto per un paio di minuti, poi l’ho pirlato

16789_10205090609298459_4363334164510549903_n

e coperto con una ciotola

10991040_10205090609498464_4328121041013675193_n

l’ho fatto riposare per 15 minuti.

Trascorso il tempo di riposo ho piegato e sbattuto di nuovo l’impasto per un paio di minuti e messo di nuovo a riposare per 15 minuti.
Ho piegato ancora per qualche minuto, pirlato e messo in una ciotola con la pellicola trasparente.

11001927_10205090609778471_1452096837230282147_n

Ho messo l’impasto in frigo per 24 ore (ma potete anche lasciarcelo per due giorni).
Il giorno dopo ho tirato fuori l’impasto dal frigo e l’ho fatto acclimatare per un paio d’ore

10991163_10205090610138480_6105835380089790298_n

poi l’ho tolto dalla ciotola, piegato di nuovo, pirlato e messo a lievitare in un cestino di vimini con uno strofinaccio di cotone ben spolverizzato di farina.
L’impasto va posizionato con la chiusura della pirlatura verso l’alto, ho spolverizzato la superficie di farina e coperto con i lembi dello strofinaccio.

10981868_10205090610378486_6998342410743977125_n

Siccome casa mia è molto fredda l’ho messo a lievitare nel forno ho fatto così: ho acceso qualche minuto a 30 gradi, poi ho spento il forno e lasciato solo la lucina accesa, ho messo il cestino a lievitare per circa 2 ore.
Trascorse il tempo di lievitazione ho tirato fuori il cestino dal forno e l’ho accesso a 230 gradi, ho appoggiato la teglia sul cestino e capovolto l’impasto

10858551_10205090610658493_6416578511982921414_n

con un coltello ben affilato ho fatto un taglio a croce sulla pagnotta

10987323_10205090610938500_8608864118892854002_n

ho infornato a 230 gradi con un pentolino di acqua sul fondo del forno per dieci minuti, poi ho tolto il pentolino, abbassato a 220 gradi e cotto ancora per circa mezz’ora.
Dovrà risultare ben colorito 🙂

10978639_10205090615538615_452695419487507905_n

Ed ecco l’interno

10989161_10205090611418512_7988851239877998622_n

Perfetto! 😀

Se volete rimanere aggiornati sulle mie ricette seguitemi sulla mia pagina Facebook

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply
    Mafi
    23 Febbraio 2015 at 17:21

    Che bello questo pane!!!! Potrei provare a farlo con sola semola di grano duro? Tu perchè usi anche un po’ di farina “0”? Ha proprio un aspetto che invita…a mangiarlo!!!
    Ciao. Mafi

    • Reply
      lamagaincucina
      23 Febbraio 2015 at 17:53

      Ciao Mafi! Ho deciso di mettere la 0 per rendere l’impasto un pò più “morbido” non so come spiegarti, ho provato a farlo solo con la semola, ma non mi ha soddisfatto, così invece viene benissimo, ma sperimenta pure!
      E’ un pane veramente ottimo e si conserva bene nei giorni successivi, prova e fammi sapere!

  • Reply
    Mafi
    24 Febbraio 2015 at 0:12

    Grazie Emanuela! Lo proverò di sicuro e ti farò sapere. Faccio sempre il pane, con la pasta madre e la rimacinata di grano duro; non amo le farine raffinate di grano tenero, per il pane, ma qualche modifica la posso sempre provare!
    Ciao, Mafi

    • Reply
      lamagaincucina
      24 Febbraio 2015 at 8:13

      Prova e fammi sapere 😉

    Leave a Reply